Anemia

18.06.2013 19:05

Anemia

AnemieLe anemie vengono classificate in base alle alterazioni della morfologia degli eritrociti (globuli rossi) e degli indici eritrocitari. Qualunque sia la natura dell'anemia, la riduzione della massa eritrocitaria e della capacità di trasporto dell'ossigeno, se sufficientemente grave, porta ad alcune caratteristiche cliniche ben precise.
 

Si può perciò definire l'anemia come una riduzione della capacità di trasporto dell'ossigeno da parte del sangue ai tessuti. Poiché, nella maggior parte dei casi, tutto ciò consegue alla diminuzione dei globuli rossi, l'anemia può essere definita come la riduzione al di sotto dei limiti normali della massa dei globuli rossi circolanti.

 

Tale valore non è tuttavia facilmente misurabile, quindi l'anemia viene definita come la riduzione, al di sotto della norma, del volume dei globuli rossi sedimentati, come viene misurato dall'ematocrito, o come una diminuzione della concentrazione ematica di emoglobina. Da non sottovalutare il fatto che una ritenzione di liquidi può espandere il volume plasmatico mentre una loro perdita può contrarlo, creando false anomalie dei valori misurati clinicamente.

Potrebbe interessarti: http://www.my-personaltrainer.it/salute/anemie.html
La malattia si manifesta con una moderata astenia, cioè sensazione di stanchezza, pallore, tachicardia e cardiopalmo, svenimento, mancanza di appetito, nausea, dispnea da sforzo, riduzione della capacità di concentrazione e di memoria ed obiettivamente da un caratteristico colorito pallido della pelle e delle mucose. Inoltre si possono manifestare problemi di splenomegalia e dolori al fianco sinistro (milza) e un basso calore corporeo.

L'entità della sintomatologia non dipende tanto dai valori assoluti di emoglobinemia ma dalla velocità con cui si instaura l'anemia e di conseguenza dal tempo che l'organismo ha per adattarsi alle variazioni dei suoi livelli. Un ulteriore indizio è dato dalla fragilità delle unghie che tendono a spezzarsi e sfogliarsi; inoltre possono assumere una caratteristica forma a cucchiaio, presentandosi piatte o nel peggiore dei casi concave (coilonichia).

 

Prodotti consigliati:

40 cc al mattino

40 cc a pranzo

40 cc alla sera

 

Dopo l’aloe si consiglia di bere sempre un bicchiere abbondante di acqua

2 compresse prima di pranzo

2 compresse prima di cena

 

masticare 3 compresse al giorno

(1 compressa prima di ogni pasto)

 

mezzo misurino (5gr.) al giorno, al mattino dopo l'Aloe Vera Gel

 

Eventualmente sostituire a mesi alterni con:

1 bustina al giorno al mattino sciolta nell'Aloe Vera Gel

 

 

Questo prodotto non deve essere considerato come cura, trattamento o prevenzione di malattie.